ECONOMIA E POLITICHE DELL'AMBIENTE

ll percorso Economia e politiche dell'ambiente è finalizzato a sviluppare una conoscenza specifica dei temi cruciali in materia ambientale: cambiamenti globali (clima, biodiversità), inquinamento urbano, energia, acqua, situazione demografica mondiale, gestione di risorse naturali. 

 

Finalizzando in questa direzione il proprio piano di studio si acquisiscono le competenze necessarie per analizzare l'impatto dei sistemi socio-economici sugli ecosistemi, le politiche ambientali in atto nei diversi paesi, i grandi accordi internazionali. Si diventa figure professionali in grado di contribuire alla formulazione concreta del decision-making ambientale, a livello locale, nazionale e internazionale.

Sbocchi occupazionali e professionali: Economista ambientale

 

Funzione in un contesto di lavoro

Le principali funzioni che i laureati che scelgono questo percorso di studi sono preparati a svolgere riguardano l'analisi dell'impatto dei sistemi socio-economici sugli ecosistemi, la progettazione e implementazione di politiche ambientali nazionali e accordi internazionali, la formulazione di strategie di gestione ambientale d'impresa.



Competenze associate alla funzione
Le competenze acquisite consistono in una conoscenza approfondita e specifica dei temi cruciali in materia ambientale globali (clima, biodiversità), inquinamento urbano, energia, acqua, situazione demografica mondiale, gestione di risorse naturali e di sistemi agro-ecologici, e degli strumenti necessari per pianificare e implementare politiche di protezione ambientale ad ogni livello. Nello specifico, queste competenze includono la capacità di:
- progettare e sviluppare valutazioni economiche di risorse naturali e progetti in campo ambientale;
- analizzare e valutare piani di protezione del territorio da rischi meteorologici, climatici e idrogeologici;
- organizzare e gestire database geo-riferiti, utilizzare gli strumenti fondamentali di analisi spaziale, realizzare cartografia tematica;
- fornire consulenza alle imprese sui sistemi di gestione ambientale, ladeguamento alle normative e le certificazioni ambientali;
- utilizzare e sviluppare moduli di contabilità ambientale a livello locale, regionale, nazionale;
- progettare e valutare politiche e strumenti di protezione ambientale;
- contribuire allo sviluppo di modelli di green economy.



Sbocchi professionali
Istituzioni pubbliche e private con competenze ambientali e territoriali; organizzazioni internazionali; agenzie di protezione ambientale ai diversi livelli di governo - locale, regionale, nazionale e internazionale; uffici di impresa incaricati della gestione
e certificazione ambientale ed enti per la regolamentazione e certificazione; uffici studi di grandi imprese e fondazioni private, centri di ricerca pubblici e privati; imprese ed agenzie nel settore energy trading e carbon trading; assicurazioni e industrie
interessate alla valutazione del rischio di natura ambientale, meteorologica e idrogeologica.

Piano di studi

Piano di studi (coorti 2018-19 e 2019-20)

Il Piano di Studi prevede insegnamenti in comune fra i due percorsi e insegnamenti specifici per le due specializzazioni, in Economia e Politiche dell'Ambiente (EPA) e in Economia e Politiche della Cultura (EPC):  

Piano di Studi coorte 2018

Piano di Studi coorte 2019

I Crediti liberi vengono utilizzati per inserire in Piano di Studi due ulteriori esami fra quelli a scelta offerti dal CdS oppure da altri CdS dell'Ateneo, o dal Politecnico di Torino. 

I crediti destinati ad Altre Attività possono essere utilizzati per tirocini, stage, laboratori.  

La Prova finale consiste in una tesi (di elaborazione o di ricerca). Le tesi di ricerca spesso vengono svolte attraverso un periodo di lavoro sul campo, presso imprese o enti italiani o stranieri o organizzazioni internazionali.

 

 

 

CAMPUS LUIGI EINAUDI

Lungo Dora Siena 100, 10153 Torino

sito ufficiale: www.didattica-est.unito.it